Un anno di Breganze

06.12.2016
Un anno di Breganze
Dopo dodici mesi nella nuova sede è tempo di bilanci: migliorate logistica e metrature, pochi gli aspetti ancora da sistemare.
È passato poco più di un anno da quando Agco Italia – e Valtra con essa – ha abbandonato la sede di Trecasali (Pr) per trasferirsi nel nuovo polo unificato di Breganze. Una soluzione dovuta alla necessità di raggruppare tutte le realtà italiane del gruppo, fino ad allora dislocate su tre poli. 

Come stanno andando le cose? Lo abbiamo chiesto al responsabile di Valtra Italia Matteo Tarabini. 

“Non nego che vi siano state delle difficoltà, soprattutto dal punto di vista logistico. Breganze, in provincia di Vicenza, è piuttosto lontana da Trecasali e diverse persone, pur se a malincuore, non hanno potuto seguirci. Abbiamo così dovuto fare i conti con il ricambio di parte dello staff. Tuttavia i nuovi arrivati sono ormai pienamente efficienti e, senza dubbio, a Breganze abbiamo una sede migliore sotto molti punti di vista. Nelle metrature, per cominciare, ma anche nei servizi a disposizione: sia quelli tecnologici, sia quelli logistici, come lo spazio esterno per le prove. Abbiamo l’Agridome per le riunioni, sale per il training post vendita ai concessionari e altro ancora”. 

Missione compiuta, allora? 

“Direi di sì. Resta ancora qualche limatura da fare, ma siamo ormai pienamente efficienti e in quasi ogni settore le cose funzionano meglio di prima. Infine non dobbiamo dimenticare che con questa riunificazione Agco Italia ha finalmente la visibilità e l’organicità che le spettano”.



« Torna alla vista panoramica