Quattro trattori N113 HiTech 5 - Al servizio della collettività

13.12.2016
Tutti i trattori in dotazione al comune di Derby sono equipaggiati con lampade rotanti e lampeggianti gialli a LED. Il sistema di sospensioni consente una guida confortevole su strada e fuori strada e la trasmissione HiTech 5 offre un’ampia scelta di opzi
Come la maggior parte delle città in Gran Bretagna, Derby dispone di vasti spazi aperti, acri di territorio destinati a parchi, campi sportivi e campi da golf, ma anche banchine erbose e aree spartitraffico. Tutti questi terreni richiedono manutenzione: sfalcio dell’erba, potatura e rimozione del legname, riparazione di infrastrutture come carreggiate, muretti e ponti ornamentali. Per gestire queste attività, lo Street pride department del Derby city council ha deciso di affidarsi a quattro trattori Valtra N113. 

I trattori della Serie N in uso a Derby sono dotati di trasmissioni HiTech 5 da 40 km/h, sospensioni della cabina e dell’assale anteriore e caricatori frontali.

“Avevamo ordinato questi trattori all’inizio dell’anno e sono stati consegnati in primavera. Le probabilità che siano necessari quattro caricatori contemporaneamente sono remote; per questo motivo, anche se tutti i mezzi sono dotati dei supporti, abbiano solo tre caricatori e una serie di benne, forche per pallet più una pinza per tronchi,” afferma David Wharrier, uno dei quattro funzionari del servizio di manutenzione dei terreni.

Al momento della scelta delle nuove macchine, David e la sua squadra hanno rivolto la massima attenzione alla marca, al modello e alle caratteristiche, in previsione di una durata di servizio di dieci anni. 

“Cercare di individuare le caratteristiche necessarie per una macchina che sarà utilizzata per dieci anni è un po’ come leggere il futuro in una sfera di cristallo”, ammette David.

Priorità ai bassi consumi e al comfort

Come la maggior parte delle amministrazioni comunali, quella di Derby è soggetta a un mandato, il che significa che i trattori sono sottoposti al vaglio severo degli ispettori. La capacità di carico, i pesi sugli assali, le capacità degli pneumatici e svariate altre caratteristiche sono oggetto di attenta valutazione. Inoltre, l’ampiezza dell’area di lavoro, con distanze significative da percorrere su strada, esige trattori a gasolio bianco, che non prevede il recupero delle accise. Di conseguenza, il costo del carburante per ora di funzionamento è elevato rispetto a quello delle macchine utilizzate a scopo esclusivamente agricolo. 

“Differenze minime nel consumo di carburante tra case costruttrici e modelli si traducono in cifre piuttosto ingenti. Per questo abbiamo prestato la massima attenzione ai consumi,” spiega David. 

La priorità immediatamente successiva era l’accettazione dei trattori da parte degli operatori e la formazione. 

“Queste persone stanno sedute all’interno dei mezzi per periodi molto lunghi, in particolare durante l’estate. Talvolta iniziano alle 4 o alle 5 del mattino per completare il lavoro prima dell’arrivo degli sportivi. L’aria condizionata è un’opzione imprescindibile, ma il comfort dei conducenti e il buon giudizio sul mezzo sono altrettanto importanti. In fin dei conti, queste persone dovranno guidarlo per i prossimi dieci anni”. 

Una scelta molto ponderata

Prima che fosse presa la decisione, i conducenti hanno avuto a disposizione parecchio tempo per testare i diversi marchi che hanno presentato la loro candidatura. 

“I conducenti hanno provato i trattori di diverse case costruttrici per una settimana e le loro domande sono state riportate ai concessionari. Nel caso di Valtra, la casa concessionaria di riferimento era la David Eaton Tractors Ltd. Il personale di questo concessionario è stato di grande aiuto. Non ci sono state domande inevase e questo ci ha favorevolmente impressionati”, ammette David.

“I trattori possono sembrare leggermente sovradimensionati per alcune attività, considerando che raggiungono i 130 cavalli (96kW) con la sovralimentazione, ma è preferibile poter disporre di potenza piuttosto che lottare contro le difficoltà di alcuni lavori di manutenzione invernali”, spiega David.

Anche gli pneumatici sono stati sottoposti a un severo scrutinio. Derby ha un’estensione di undici chilometri e gli spostamenti tra le diverse aree di intervento si effettuano principalmente su arterie trafficate, che richiedono pneumatici poco usurabili. D’altro canto, l’uso di pneumatici industriali può danneggiare i campi sportivi e i campi da golf. Pertanto, tre Valtra montano pneumatici Nokian 440/80R28 sulle ruote anteriori e 540/80R38 sulle ruote posteriori. Il quarto trattore, utilizzato prevalentemente su di un campo da golf, è dotato di pneumatici Michelin CargoXBib 560/60R22.5 e 650/65R30.5. Questo consente un maggior galleggiamento e riduce al minimo i danni sul fairway, anche con condizioni atmosferiche inclementi. 

Oltre ai tosaerba con cilindro da 5,2 metri da utilizzare sui fairway e sui campi sportivi, la squadra di manutentori dispone di tosaerba rotativi da 4,9 metri per il taglio dell’erba più alta del rough, erpici rotanti e seminatrici. Sono molto utilizzati anche i rimorchi; infine le macchine possono essere usate per molto tempo per sostenere la sezionatura degli alberi. 

“Abbiamo anche sviluppato un’attrezzatura per il caricatore per la movimentazione dei pali delle porte di calcio”, ci dice infine, con orgoglio, David.



« Torna alla vista panoramica